Ultime Notizie

Quanto è importante lo svezzamento del neonato....

L'introduzione nella dieta, in maniera ritardata, di alimenti solidi nel corso del primo anno di vita dei bambini, sembrerebbe associata a un aumento del rischio di allergie in età successiva. A stabilirlo è uno studio di coorte prospettico apparso su Pediatrics, contrariamente ai più recenti suggerimenti riguardanti l'alimentazione dei bambini, secondo cui l'allattamento esclusivo al seno per i primi sei mesi di vita proteggerebbe dallo sviluppo di allergie. Ricercatori della Tampere School of Public Health, University of Tampere in Finlandia, hanno analizzato, per 994 bambini di 5 anni con suscettibilità Hla al diabete di tipo 1 inseriti nello studio finlandese Dipp (Type 1 Diabetes Prediction and Prevention), dati relativi ad allattamento al seno, prima assunzione di alimenti solidi e livelli di immunoglobuline IgE. Il periodo medio di allattamento esclusivo al seno è risultato pari a 1,8 mesi. L'assunzione tardiva di patate (> 4 mesi di vita); avena (> 5 mesi); segale (> 7 mesi); frumento (> 6 mesi); carne (> 5,5 mesi); pesce (> 8,2 mesi) e uova (> 10,5 mesi) è apparsa direttamente associata a una sensibilizzazione ad allergeni alimentari. In aggiunta, l'introduzione ritardata di patate, segale, carne e pesce determinerebbe una sensibilizzazione a ogni tipo di allergene inalante.
In modelli che hanno incluso tutti i tipi di alimenti solidi, uova, avena e frumento sono risultati quelli più importanti nel determinare sensibilizzazione agli allergeni alimentari, mentre patate e pesce lo sono per quella agli allergeni inalanti. «Sebbene il nostro studio presenti alcune limitazioni, la più importante delle quali è rappresentata dal periodo medio di allattamento al seno, che essendo stato alquanto breve non permette di escludere un suo ruolo nello sviluppo dell'allergia, follow-up  più estesi consentiranno di stabilire se le nostre osservazioni attuali possono essere tradotte nella pratica clinica in specifici outcome allergici» ha commentato Bright I. Nwaru, principale autore dello studio.

Sei qui: Home News Quanto è importante lo svezzamento del neonato....